Vacanze sull’Isola d’Elba: le principali attrazioni naturali e culturali

L’isola d’Elba è raggiungibile in traghetto ed è storicamente imputata quale luogo di esilio in memoria della travagliata esperienza di Napoleone Bonaparte, di cui questa terra ha custodito le tracce. Segno visibile ne sono, in particolare, le storiche ville, dei Mulini e di San Martino, volute dallo stesso Napoleone e oggi liberamente accessibili al pubblico. All’epoca del defunto Imperatore l’isola, con ogni probabilità, non godeva della attuale popolarità ma, indubbiamente, ha conservato il fascino naturale di ogni baia o lembo di terra che emerge rigoglioso dal mare. Questa rappresenta, infatti, una delle più grandi motivazioni che spingono i turisti di tutto il mondo a visitarla.

Spiagge bianche, dorate, composte da sabbia finissima o arricchite da ciottoli che ne diversificano la bellezza, attraggono qualsiasi occhio si soffermi alla vista dei panorami dai tratti quasi caraibici. Oltre centocinquanta spiagge adornano la costa elbana, nonostante l’isola non spicchi per grandezza nel bacino del Mediterraneo. Ce ne sono per tutti i gusti, più o meno raggiungibili via terra, disposte a lasciarsi trovare ed esplorare dai viaggiatori più curiosi. I meno intraprendenti possono, tuttavia, fare affidamento sulle strutture più prestigiose disseminate per tutta l’isola, capaci di offrire servizi esclusivi nelle spiagge attrezzate. Notoriamente i lidi più apprezzati, dotati di servizi ma caratterizzati, allo stesso tempo, da natura incontaminata alle loro spalle, portano il nome di: La Biodola, Laconella, Fetovaia, Capo Bianco, Enfola, Barabarca, Topinetti, Barbarossa, Calanova, Cavoli, Nisporto, Marina di Campo, Bagnaia, Seccheto. Si tratta soltanto di alcuni esempi tra le spiagge più oniriche dell’isola.

Avere la possibilità di circumnavigare l’Elba significherebbe, infatti, scoprire anche le calette più nascoste e meno accessibili via terra, una terra da percorrere in lungo e in largo, poco importa se automuniti o in bici, oppure ancora a cavallo, purchè ci si predisponga ad assaporare tutti gli odori che la vegetazione mescolata all’aria salmastra sa offrire, fino a raggiungere i borghi che più caratterizzano l’intera isola.

Ciascuno di essi denota i tratti salienti di una particolare zona: a partire dal capoluogo, Portoferraio, i comuni elbani da sempre accolgono imbarcazioni nei loro piccoli o grandi porti, nati prevalentemente come rifugio per le barche dei pescatori, come nel caso di Porto Azzurro. Capoliveri, invece, sorge arroccato su una collinetta da cui si staglia una vista incredibile del mare blu antistante. Rio Marina e Rio nell’Elba appartengono, diversamente, alla tradizione mineraria che ha caratterizzato l’isola per diversi secoli e che oggi rappresenta motivo di vanto anche per la possibilità di visitare le antiche miniere secondo percorsi ben definiti.

Campo nell’Elba si riconosce per le pittoresche barche di legno colorate e per la vicinanza al Monte Perone, meta preferita da escursionisti a due ruote o appassionati di trekking. Dulcis in fundo, Marciana Marina, il borgo più piccolo dell’Elba e tra i più piccoli d’Italia, ma anche tra i più suggestivi dell’isola per la sua natura lussureggiante e i suoi scorci mozzafiato.

Marina di Campo, nota per la spiaggia più lunga dell’intera isola, ospita anche un piccolo acquario, una struttura privata capace di incuriosire lo spettatore con la presenza di magnifici esemplari provenienti dal mondo marino. Dall’acquario alla pescheria il passo è breve e la cucina elbana sapientemente fonde il gusto con la tradizione: piatti semplici ma ricchi di sapore vengono serviti nei ristoranti di tutta l’isola. Tra le portate più famose non può mancare il gurguglione, piatto a base di verdure, o lo stoccafisso alla riese.

La pace dei sensi non si raggiunge solo tramite i sapori e gli odori inebrianti dell’isola ma passa anche per la vista del mare e del cielo che, quando è stellato, consente di scorgere persino i confini della nostra galassia, perchè lontana dall’inquinamento luminoso che ottenebra l’intensità dei corpi celesti e che, sull’isola d’Elba riacquista un inedito splendore.

Vacanze in Tunisia: Migliori Spiagge

La Tunisia è una delle soluzioni extraeuropee maggiormente considerate dai vacanzieri italiani, poiché si trova a due passi dalla penisola ed è capace di garantire una vacanza all’insegna del relax, del benessere ma soprattutto di un mare cristallino che non ha nulla da invidiare ai migliori nel mondo. L’unica accortezza è quella di scegliere il posto giusto dove andare, poiché come ogni luogo anche questo propone delle spiagge gradevoli ed altre davvero eccezionali e imperdibili. Se il vostro scopo è vivere giorni piacevoli godendo di acque turchesi e trasparenti non vi resta altro da fare che proseguire la lettura e pianificare il prossimo viaggio in Tunisia.

Quali spiagge visitare in Tunisia?

Essendo un territorio abbastanza vasto, la Tunisia offre diversi scenari sia a livello di paesaggio che di spiagge, offrendo ai visitatori distese di sabbia bianca e rocce dalle quali tuffarsi o dove prender e il sole. Basta solo decidere qual è la modalità preferita oppure decidere di visitarle tutte così da portare a casa un bagaglio di ricordi meravigliosi da sfoderare nelle tristi giornate invernali.

Le spiagge di La Marsa

A nord della capitale sorge una periferia piuttosto elegante e ordinata, che ospita una serie di lidi solitamente molto apprezzati dai vari turisti. Il litorale è quasi del tutto attrezzato e si presta a ospitare differenti target di clientela, dalle famiglie con bambini al seguito ai giovani in cerca di divertimento. È infatti possibile dedicarsi a differenti attività sportive con il windsurf o la canoa, trascorrendo momenti davvero piacevoli in un contesto paesaggistico davvero eccezionale.

El Haouaria

Parliamo in questo caso del punto dell’Africa più vicino all’Europae quindi facilmente raggiungibile dall’Italia con un viaggio breve. Troverete davanti ai vostri occhi un paesaggio caratterizzato da splendide colline verdi, una vegetazione tipica e delle spiagge che fanno sognare a occhi aperti. Lo scopo è quello di rilassarsi ma anche godere della flora e della fauna locale, magari dedicandosi a qualche piacevole immersione con la maschera.

Nabeul

A est di Tunisi sorge un vero e proprio paradiso terrestre che in parte mantiene un aspetto naturale e selvaggio e in parte si presta ad ospitare tutti coloro che amano avere attorno ogni genere di comfort. Sulle spiagge attrezzate sono presenti diverse attività sportive da poter svolgere in compagnia dei propri cari o in autonomia, così come comodi lettini dove rilassarsi al sole.

Gammarth

Se il vostro obiettivo è la ricerca del lusso non potete esimervi da visitare questa spiaggia della Tunisia. Parliamo di una location del tutto esclusiva, che offre ottimi centri di talassoterapia, ristoranti eleganti e bar dove poter prendere un aperitivo gourmet al termine di una piacevole giornata di mare in un contesto paradisiaco.

Costa del Corallo

Se invece siate amanti della natura non perdete questo litorale nei pressi della cittadina di Tabarka, caratterizzato da grotte, faraglioni e una distesa di sabbia dorata che illumina gli occhi. Da non perdere è anche la visita al paesino di pescatori adiacente, che mostra agli occhi degli stranieri la bellezza e l’autenticità delle tradizioni locali ancora oggi portate avanti. Allora cosa aspetti? Vai sul portale tunisiatraghetti.it, prenota il traghetto e parti per la tua vacanza da sogno in Tunisia!

Vacanze a Capri: Informazioni Importanti da Sapere

Nel cuore del Mar Tirreno, proprio davanti alla penisola sorrentina nel Golfo di Napoli, sorge la splendida isola di Capri. Questo luogo deve la sua fama alla scoperta della Grotta Azzurra nel lontano 1826 e, da allora, continua ad essere meta di viaggiatori e turisti da tutto il mondo, attratti dalle sue meraviglie naturalistiche. Capri, grazie alle frequentazioni vip e alle location esclusive, è ormai famosa anche per essere sinonimo di vacanze chic e costose, all’insegna del lusso e della bella vita. In questo articolo vediamo come raggiungere questa bellissima isola e quali sono le sue attrazioni principali.

Come raggiungere Capri

Grazie alla sua vicinanza con le città di Napoli e di Sorrento, Capri è la meta ideale per chi è alla ricerca di una vacanza senza stress, potendo essere raggiunta comodamente in aliscafo oppure in traghetto verso Capri.

Durante la stagione estive, le corse vengono incrementate ed è possibile partire, oltre che dai porti principali di Napoli e di Sorrento, anche da quelli di Positano, Amalfi, Ischia e Salerno. L’unica accortezza da tenere a mente, nel caso in vogliate partire con un mezzo di proprietà, è che sull’isola è vietata la circolazione dei veicoli a motore per i non residenti, fatta eccezione per un periodo limitato durante l’anno.

Il servizio di collegamento tramite traghetto è garantito da diverse società di navigazione aventi diversi orari di arrivo e di partenza, per i quali si consiglia di consultare i siti ufficiali delle singole compagnie.

Come muoversi a Capri

Nonostante i divieti di circolazione per i veicoli a motore, muoversi sull’isola è piuttosto facile, grazie anche all’efficienza dei collegamenti interni. Dopo essere sbarcati al porto con l’aliscafo oppure con il traghetto, è possibile prendere comodi bus della ATC oppure optare per la funicolare che vi porterà in centro in meno di cinque minuti. A seconda della stagione, i bus seguono uno schema di orari prestabilito e collegano Marina Grande alle cittadine di Capri e di Anacapri, fino a condurvi alla famosa Grotta Azzurra.

Cosa vedere

L’isola di Capri rimane una delle perle del mar Mediterraneo, tanto da essere visitata da turisti provenienti da tutto il mondo come meta irrinunciabile. Una volta sbarcati, concedetevi del tempo per ammirare la maestosità di uno dei principali simboli di Capri: i Faraglioni. Si tratta di due grandi formazioni rocciose situate al largo della costa, immersi nel blu del mare e del cielo, dove il più alto misura ben 109 metri di altezza.

La Grotta Azzurra è nota fin dai tempi dell’Imperatore Tiberio per l’incredibile colore delle sue acque. Infatti, durante le giornate di sole, il mare sembra illuminarsi da un luce subacquea che abbraccia l’intera grotta, regalando uno spettacolo unico.

Il Monte Solaro è la montagna di Capri, ideale per andare alla ricerca di un po’ di pace e per ammirare un panorama mozzafiato. Per chi vuole tuffarsi nella storia dell’architettura romana, Villa Jovis rappresenta una tappa da non perdere. La Villa è dedicata a Giove e fu costruita su commissione dell’Imperatore Tiberio nel I secolo a.C..

La Piazzatta di Capri è invece il simbolo della mondanità dell’isola e della dolce vita. Da qui partono le vie principali per raggiungere ogni angolo della città, come Via Camerelle, nota per ospitare le migliori boutique.

Vacanze Low Cost in Croazia: Consigli Utili per Risparmiare

La Croazia e le sue 1.246 isole

La Croazia è un paese famoso per le sue coste frastagliate e suggestive e per la quantità infinita di isole, isolotti (alcuni disabitati), e grandi scogli sparpagliati come coriandoli nella parte alta del mar Adriatico.

Il risultato è un susseguirsi infinito di panorami di struggente bellezza fatti di acque cristalline, spiagge dorate e scogliere incontaminate. Chi ama il mare non può non essere mai stato in Croazia.
E, se tu sei tra questi, non possiamo che dirti di approfittare delle prossima stagione estiva, che, dopo la crisi improvvisa che ha sconvolto il mondo, viene considerata una vera e propria rinascita. E viene incoraggiata con offerte e agevolazioni molto interessanti.

Italia e Croazia sono due paesi uniti da una fittissima rete di collegamenti via mare che, tramite traghetti e aliscafi, rendono possibili flussi turistici ininterrotti in entrambe le direzioni.
Cerchiamo, adesso, di fornirti un quadro generale nel quale riassumere nel modo più semplice possibile le numerosissime opzioni.

Compagnie navali tra Italia e Croazia

Le compagnie navali che operano nel mar Adriatico, tra la nostra penisola e le coste croate, sono fondamentalmente quattro:
– l’italiana SNAV (Società Navigazione Alta Velocità);
– la croata Jadrolinija;
– la Righetti Navi, con sede a Forlì;
– la Trieste Lines.

Le navi di queste differenti flotte si spartiscono, in un certo senso, le rotte che uniscono le coste italiane a quelle croate, partendo e arrivando in porti diversi. Le città italiane da cui partono i traghetti per la Croazia sono (in ordine alfabetico): Ancona, Bari, Cesenatico, Pesaro, Trieste e Venezia.

Vediamo, quindi, quali sono le compagnie che, da ciascuna di queste città, raggiungono le coste dirimpettaie e quali sono le loro rotte.

Ancona

Dalla posizione strategica in cui si trova il grande porto di Ancona, partono traghetti che possono raggiungere Spalato o Zara. Questa rotta viene seguita sia dalla SNAV che dalla Jadrolinica.

I traghetti per la Croazia delle due compagnie partono in diversi giorni della settimana (per un totale di una decina di opportunità, tra una compagnia e l’altra). Diciamo che queste due tratte (Ancona / Spalato e Ancona / Zara) sono tra quelle più richieste dai viaggiatori italiani, quindi è consigliabile prenotare con un certo anticipo, per non rischiare di non trovare posto.

Inoltre, le prenotazioni anticipate sono quelle che consentono l’acquisto dei biglietti a prezzi più vantaggiosi; per questo motivo, se hai deciso che la Croazia è la destinazione delle tue vacanze, ti consigliamo di non perdere tempo: prima prenoti e meno paghi.

Queste traversate necessitano di circa nove/dieci ore di navigazione e sui traghetti di entrambe le compagnie possono essere imbarcati tutti i tipi di veicolo (auto, moto, camper, etc). A bordo troverai, sia sui traghetti italiani che su quelli croati, tutti i servizi necessari per rendere piacevole e confortevole la traversata (negozi duty free, bar, ristorante, zona giochi per i bimbi, cinema e altro).

Infine, se fornito di adeguato biglietto e degli obbligatori documenti sanitari, potrai portare a bordo con te anche il tuo cane (se ne hai uno, ovviamente).

Bari

Dal porto del capoluogo pugliese partono alcuni traghetti della Jadrolinija; la loro destinazione è Dubrovnik. Anche su questa nave l’imbarco è consentito a tutti i tipi di veicolo e la traversata ha una durata media intorno alle 11 ore.

Se vuoi risparmiare e non hai paura di una notte di viaggio non proprio comodissima, ti consigliamo di acquistare il biglietto più economico, quello relativo al posto in poltrona. Se, invece, hai una disponibilità superiore, puoi scegliere di viaggiare in cabina. Ce ne sono di vario tipo: doppia, quadrupla, interna o con vista mare.
A te, la scelta.

Per il resto, i servizi sono analoghi un po’ a tutte le navi passeggeri e i traghetti del mondo. Area ristorazione, zona dedicata ai giochi dei bimbi, negozi e quant’altro. Anche con la Jadrolinica puoi portare il tuo cane a bordo.

Cesenatico

Dalla Riviera Romagnola, ma solo di domenica, nei mesi di luglio e agosto, partono degli aliscafi rapidissimi che nello spazio di tre ore ti portano da Cesenatico a Rovigno (o a Lussino). La compagnia che effettua questo servizio è la Righetti Navi.

Trattandosi di aliscafi, non si può partire con veicolo al seguito. I servizi a bordo, dato che il viaggio è breve, sono essenziali (ma, tutto sommato, confortevoli). Troverai, infatti, una zona ristoro e comode poltrone in ambiente climatizzato.

Per questa estate sono previste offerte vantaggiose. Informati bene online, prima di acquistare il biglietto.

Pesaro

Da Pesaro, navigando per circa tre ore e mezza con la Righetti Navi, si arriva alla splendida isola di Lussino, facente parte dell’arcipelago del Quarnero. Questa tratta è operativa solo nei mesi estivi; ci sono due corse settimanali (il lunedì e giovedì) dedicate a viaggiatori senza veicolo al seguito.
Se si parte in gruppo, si possono acquistare i biglietti con offerte davvero vantaggiose.

Trieste

L’isola di Lussino, così come Parenzo e Rovigno, sono raggiungibili partendo da Trieste con aliscafi veloci appartenenti alla Trieste Lines o alla Liberty Lines Fast Ferries. Sono veri e propri viaggi low cost, con prezzi decisamente abbordabili.

Gli orari a disposizione sono diversi e questo rende più facile la scelta. La particolarità di questi traghetti è che sono dotati di un impianto speciale di stabilizzazione elettronica che impedisce il verificarsi di eccessivi rollii, tanto odiati da chi soffre il “mal di mare”.
Il bar a bordo è di elevata qualità. Molto comode le poltrone reclinabili.

Venezia

Venezia è collegata a Pola e Rovigno (soltanto in estate) tramite i traghetti della Venezia Lines.
Ricorda che sarà possibile imbarcare anche il veicolo solo sul traghetto che arriva a Rovigno; invece, sui catamarani che da Venezia vanno a Pola, potrai, eventualmente, portare con te solo una bici.

Il viaggio dura, in entrambi i casi, circa tre ore e mezza. I servizi a bordo sono davvero di buona qualità.

Vacanze in Grecia: Consigli Pratici per un Soggiorno senza Pensieri

Spiagge dorate, acque cristalline, divertimento e buona cucina. Come ogni estate, la Grecia rimane una delle mete preferite da noi italiani e non solo. Ecco alcune informazioni utili su come raggiungerla, le compagnie marittime, gli orari e i porti di partenza.

Grimaldi Lines e Minoan collaborano per collegare i porti di Ancona e Brindisi con Patrasso, Corfù e Igoumenitsa. E’ possibile imbarcare la propria auto oppure un veicolo più grande. Nel caso si scegliesse di viaggiare in bici, questa dovrà essere condotta a mano sino all’apposita area di stivaggio senza costi aggiuntivi. Non mancano a bordo negozi, ristoranti à la Carte e self-service. Alcuni traghetti per la Grecia sono dotate di un centro benessere e dispongono di sale per conferenze. Consentiti gli animali a bordo (muniti di biglietto!).

Anek Lines in cooperazione con Supefast Ferries opera invece dai porti di Venezia, Ancona e Bari. Per chi volesse viaggiare comodo durante le tratte in notturna e senza badare a spese, offrono sistemazioni in cabine lusso con colazione inclusa.

Aree appositamente attrezzate consentono invece il campeggio a bordo. Gli ospiti che sceglieranno questa soluzione potranno usufruire di tutti i servizi e accedere alle aree comuni, pagando la tariffa del passaggio ponte in aggiunta alla quota del veicolo (questo servizio non è disponibile sulla tratta da/per Corfù e sulla motonave Asterion II). Ristoranti sia à la Carte che self-service. Animali ammessi.

A-ships offre un’alternativa più economica dal porto di Brindisi verso il porto di Igoumenitsa, con scalo a Corfù solo durante l’alta stagione.
Per chi possiede un animale domestico che ha voglia di vacanze, ricordarsi di selezionare la tariffa “Special Pet Category”. Sono presenti bar e ristoranti, possibilità di imbarcare il proprio veicolo, non è consentito il camping a bordo.

Ventouris Ferries collega la città di Bari ai porti di Cefalonia, Corfù e Igoumenitsa. A bordo potrai trovare bar e ristoranti, negozi duty-free ed alcune dispongono anche di un casinò. Su tutte le navi è possibile imbarcare il proprio veicolo.
N.B. Raccomandiamo sempre di verificare le misure consentite al momento dell’acquisto del biglietto che potrebbero variare a seconda della tratta, del tipo di imbarcazione oppure del vettore prescelto.

Analizziamo ora in dettaglio le varie rotte disponibili:

PARTENZE DA VENEZIA (Anek Lines – nave)
dal 24/05/21 al 30/09/21
– mercoledi ore 12:00 -> Igoumenitsa (14:30 del giorno successivo) -> Patrasso (21:30);
– sabato ore 13:30 -> Igoumenitsa (16:00 del giorno successivo) -> Patrasso (22:30);
dal 24/05/21 al 30/06/21 e dal 06/09/21 al 30/09/21
– domenica ore 12:00 -> Corfu (13:45) -> Igoumenitsa (15:00).

PARTENZE DA ANCONA (Grimaldi Lines – nave/traghetto)
destinazione Patrasso (22/23 ore)
dal 14/06/21 al 12/09/21
– lunedi ore 18:30;
– martedi nessuna partenza;
– mercoledì ore 14:00;
– giovedì ore 14:30;
– venerdi ore 16:00;
– sabato ore 17:30;
– domenica ore 16:30;

destinazione Igoumenitsa (19/21 ore)
dal 14/06/21 al 12/09/21
– tutti i giorni ore 19:30;
dal 17/06/21 al 12/09/21
– giovedi e venerdi con scalo a Corfù (16:00).

PARTENZE DA ANCONA (Anek Lines – nave)
dal 09/08/21 al 05/09/21
– lu/me/ve/do ore 13:30 -> Igoumenitsa (06:30) -> Patrasso (12:00);
– mar/gio/sab ore 16.30 -> Igoumenitsa (09:30) -> Patrasso (15:00);

dal 09/08/21 al 05/09/21
– martedi ore 13:30 -> Corfù (05:30) -> Igoumenitsa (06:45);
– giovedi ore 15:00 -> Corfù (07:00) -> Igoumenitsa (08:15).

PARTENZE DA BRINDISI (Grimaldi Lines – nave/traghetto)
– tutti i giorni ore 13:00 -> Igoumenitsa (22:00);
– sabato e domenica ore 13:00 -> Corfù (20:30) -> Igoumenitsa (22:30).

PARTENZE DA BRINDISI (A-Ships – traghetto)
dal 15/06/21 al 19/08/21
– martedi e mercoledi ore 12:00 -> Igoumenitsa (21:45);
dal 20/08/21 al 05/09/21
– lu/ma/me ore 12:00 -> Igoumenitsa (21:45);
dal 15/06/21 al 05/09/21
– giovedi ore 21:30 -> Igoumenitsa (07:00);
dal 15/06/21 al 15/07/21
– venerdi ore 21:30 -> Igoumenitsa (07:00);
dal 15/06/21 al 15/07/21
– domenica ore 23:59 -> Igoumenitsa (09:00);
dal 16/07/21 al 19/08/21
– ve/sa/do ore 21:30 -> Corfù (06.00) -> Igoumenitsa (08:00);
dal 20/08/21
– sabato ore 12:00 -> Corfù (20:30) -> Igoumenitsa (22:00);
– domenica ore 12:00 -> Igoumenitsa (21:45);

PATENZE DA BARI (Anek Lines – traghetto)
dal 01/06/21 al 30/06/21 e dal 20/09/21 al 30/09/21
– lu/ma/me/ve/sa ore 19:30 -> Igoumenitsa (05:30) -> Patrasso (13:00);
– domenica ore 13:30 -> Igoumenitsa (23:00) -> Patrasso (07:00);
– giovedi ore 19:30 -> Corfù (04:30) -> Igoumenitsa (08:00) -> Patrasso(13:00);

PARTENZE DA BARI (Ventouris Ferries – traghetto):
dal 19/07/21 al 30/08/21
– lunedi ore 20:00 -> Corfù (07:00) -> Igoumenitsa (08:30) – > Cefalonia (12.30)

dal 14/07/21 al 03/09/21
– mercoledi e venerdi ore 20:00 -> Corfù (07:00) -> Igoumenitsa (08:00);
dal 17/07/21 al 14/08/21
– sabato ore 23:59 -> Corfù (11:00) -> Igoumenitsa (12:00);
22 e 29 agosto 2021
– domenica ore 10:00 -> Igoumenitsa (22:00).

Vacanza Isola d’Elba: come arrivare, cosa vedere e in quanti giorni?

Grazie alla sua posizione geografica, a soli 10 km dalla costa toscana davanti a Piombino, l’Isola d’Elba è una meta facilmente raggiungibile grazie a numerosi collegamenti marittimi operati da diverse Compagnie di Navigazione (Blu Navy, Elba Ferries, Toremar, Moby e Corsica Ferries). La partenza è prevista da Piombino (o Bastia, in Corsica, durante la stagione estiva), mentre l’arrivo può avvenire a Portoferraio, Cavo o Rio Marina.

I traghetti per l’Isola d’Elba operano dalle 5 alle 23, con partenza ogni 30 minuti circa, proponendo più di 100 tratte al giorno. Il tragitto è breve e varia da 1 ora con i traghetti normali fino a 30 minuti con un traghetto veloce o un aliscafo. I traghetti sono di piccole dimensioni e privi di cabine; il passaggio ponte è l’unica opzione, mentre i mezzi di locomozione (automobile, moto, camper e furgone) sono ordinatamente sistemati in stiva. Durante la traversata, gli ospiti possono rilassarsi all’esterno sui diversi ponti, oppure all’interno su poltrone, divanetti o al bar. La sala tv e l’area gioco per i più piccoli completano i servizi delle varie imbarcazioni.

Nonostante la sua ridotta estensione di soli 233 km quadrati, l’Isola d’Elba racchiude tantissime attrattive storico-culturali come i borghi e i musei e naturali come le meravigliose spiagge. L’Isola rappresenta quindi la meta ideale per chi desidera sia una vacanza di qualche giorno sia un soggiorno più lungo; è il luogo perfetto per gli amanti della storia e della cultura locale, del relax, della natura e degli sport all’aria aperta (vela, trekking, mountain bike, immersioni subacquee, snorkeling, pesca, golf e tennis). Nessuno rimarrà deluso!

I borghi dell’Isola d’Elba sono dei veri tesori ed è molto difficile stabilire quali siano i più belli. Portoferraio, chiamata anche la “città rosa” per le vie del centro lastricate di calcare rosato, offre interessanti testimonianze storiche come il centro, le ville napoleoniche, forti, bastioni e siti archeologici di età etrusca e romana. La cultura è importante, ma lo è anche il relax e la cura della persona: le Terme di San Giovanni abbinano ai tradizionali bagni e cure di fanghi i più moderni servizi dedicati al relax e alla bellezza.

Il più antico borgo dell’Elba è Marciana alta, incantevole paesino caratterizzato da stradine lastricate con pietra elbana, strette casette con i portali di granito e piazzette abbellite con fontane. Il borgo ospita la Fortezza Pisana (fortificazione racchiusa da quattro torri), il Museo Archeologico con reperti risalenti all’età della Pietra e al periodo etrusco e il Santuario della Madonna del Monte. Da Marciana alta parte la cabinovia per raggiungere comodamente la cima del Monte Capanne, a 1000 metri sul livello del mare, dalla quale è possibile godere di panorami mozzafiato. Tale cima è anche raggiungibile a piedi con un percorso della durata di circa 3 ore. I sentieri sono immersi nella natura, tra boschi di leccio e castagni e, con un po’ di fortuna, vi è la possibilità d’incontrare numerose specie di animali come daini e falchi pellegrini.

Marciana Marina dona scorci pittoreschi grazie al suo porticciolo e alle case color pastello. Da non perdere una piacevole passeggiata nel quartiere Borgo del Cotone, antico paesello di pescatori con case dai colori vivaci poste su scogli a strapiombo sul mare.

Rio Marina, piccolo borgo di pescatori, in passato era considerato il principale centro di estrazione del ferro. Questo passato è testimoniato dal colore scuro delle spiagge e dal Parco Minerario che comprende diversi sentieri, un caratteristico trenino che porta alla scoperta dei minerali e del lavoro dei minatori e il Museo dei Minerali e dell’Arte Mineraria.

Capoliveri, borgo medievale arroccato in cima a una collina, ha un centro storico che vanta di una meravigliosa piazza, una terrazza vista mare, pittoreschi vicoli o “chiassi” fatti di arcate, case alte e strette, balconi fioriti, botteghe artigiane, ristoranti, taverne ed enoteche, boutique alla moda e mercatini.

Oltre a queste, sono imperdibili Porto Azzurro con la sua piazza Matteotti e il Santuario della Madonna di Monserrato e Pomonte con il relitto del mercantile Elviscot da esplorare in immersione subacquea.

Gli amanti del relax, del sole, del mare e della tintarella saranno felici di sapere che all’Isola D’Elba sono presenti più di 150 spiagge, libere o attrezzate. Veri e propri paradisi intervallati da zone rocciose, cale e baie di rara bellezza. Le spiagge sono un connubio perfetto di colori: sfumature di verde grazie alle pinete e alla macchia mediterranea e di blu/turchese dell’acqua. Tra le spiagge sabbiose, sono assolutamente da vedere (e da vivere!) Fetovaia, Cavoli, La Biodola, mentre tra le spiagge ghiaiose o ciottolose, la spiaggia Delle Ghiaie, Padulella, di Capo Bianco, di Sansone e de l’Enfola. Da non perdere i tratti di costa più selvaggi e rocciosi come quelli in prossimità della spiaggia di Chiessi, Patresi e Capo Sant’Andrea.

Vacanze Low Cost in Albania: Consigli Utili per Risparmiare

L’estate è alle porte ma non riesci ancora a decidere dove trascorrerai le tue prossime vacanze? In questo articolo ti proponiamo una destinazione ricca di fascino e a pochi passi dall’Italia, ovvero l’Albania. Lasciati guidare dai nostri consigli per organizzare al meglio, e rigorosamente low cost, la tua vacanza ideale nel “Paese delle Aquile”.

Una piccola nazione dalle grandi potenzialità

L’attrattiva turistica verso questa destinazione è in forte crescita, grazie ad una politica di apertura verso gli stranieri, all’incremento dei servizi e soprattutto alle tariffe contenute. L’Albania, le cui coste si affacciano sull’Adriatico e sullo Ionio, offre spiagge di indubbio fascino, ma anche paesaggi naturali selvaggi e incontaminati, siti archeologici e buon cibo. Inoltre, molti dei suoi abitanti hanno familiarità con la lingua italiana, una sicura comodità quando si trascorre una vacanza all’estero.

Noi ci concentreremo sulle località balneari più rinomate e facilmente raggiungibili dai nostri porti, ovvero Durazzo e Valona. La prima, pur avendo un’urbanistica contemporanea, conserva resti archeologici di epoca romana e bizantina, oltre ad ospitare il Museo Archeologico e la Grande Moschea. Situata direttamente sul mare, Durazzo è anche un comodo punto di partenza per visitare il vicino lago di Scutari. Valona è a circa 120 km a sud ed è inserita all’interno del Parco Nazionale del Passo di Llogaraja.

Le ampie spiagge sabbiose e le acque cristalline, ideali per gli amanti dello snorkeling, nonchè i numerosi locali disseminati lungo la costa, la rendono meta ambita sia per chi cerca il divertimento, sia per chi preferisce rilassarsi con la propria famiglia. Raggiungere queste due mete via mare è la soluzione più semplice ed economica. Ecco quello che dovete sapere.

Collegamenti marittimi per Durazzo e Valona

Sono cinque le compagnie di navigazione che permettono di raggiungere l’Albania dai porti di Ancona, Bari e Brindisi. Tutte offrono la possibilità di imbarcare il proprio mezzo a bordo.

Adria Ferries
Collegamenti giornalieri dai porti di Ancona e Bari a quello di Durazzo, con un incremento delle partenze durante l’alta stagione.

  • Ancona: andata ore 17.00, arrivo ore 9.00 del giorno successivo, tempo di percorrenza 16h circa. Il ritorno è alle ore 17.00 con arrivo alle 13.00 del giorno successivo, tempo di percorrenza 20h circa.
  • Bari: due le corse previste ogni giorno. Andata alle ore 13.00 e 22.00, con arrivo rispettivamente alle ore 21.00 del giorno stesso e alle 08.00 del giorno seguente. Tempo medio di percorrenza 9h. Ritorno alle ore 12.00 e 23.58, con arrivo rispettivamente alle ore 20.00 del giorno stesso e alle 09.00 del giorno seguente. Tempo medio di percorrenza 8h30m.

I servizi a bordo includono: bar, ristorante self-service, spazi ludici, connessione Wi-Fi e zona shopping Duty-Free. Si può scegliere tra una sistemazione zona ponte o in poltrona, più economiche, o di rilassarsi in una delle cabine di diversa tipologia, tra le quali alcune Pet-Friendly.

A-Ships
Collega Brindisi e Valona da aprile ad ottobre, con un tempo di percorrenza di circa 7h. Vi consigliamo di verificare i giorni effettivi di partenza e arrivo, poiché il numero di corse potrebbe variare a seconda della stagione. A bordo dei suoi traghetti per l’Albania, è possibile usufruire di: bar, ristorante, aree relax, cabine interne o con vista mare, entrambe con servizi privati. Inoltre, alcune cabine sono di tipo Pet-Friendly.

European Ferries
Collega Brindisi e Valona. Il numero di corse potrebbe variare a seconda della stagione. Ecco un esempio: andata ore 23.30 con arrivo alle 04.30 del giorno seguente, ritorno ore 22.30 con arrivo alle 06.30 del giorno seguente. A bordo sono presenti diverse tipologie di sistemazione e un’area circolare, presso il ponte esterno, per accogliere i propri animali domestici. Inoltre, diversi negozi, bar, area self-service.

GNV
Due corse in media al giorno, di andata e ritorno, da Bari a Durazzo. Ad esempio: andata ore 20.00 con arrivo alle 08.45 del giorno seguente, ritorno ore 23.58 con arrivo alle 09.45 del giorno seguente. Le sistemazioni variano dalle poltrone economiche alle pregevoli suite. Inoltre, diversi servizi dedicati per bambini, disabili e animali domestici. Puoi servirti dello sbarco prioritario o lasciare la cabina fino a 15min dallo sbarco.

Ventouris Ferries
Una corsa giornaliera da Bari a Durazzo: andata con partenza ore 22.00 e arrivo ore 08.00 e ritorno con partenza ore 23.00 e arrivo ore 08.00. Oltre a negozi, ristoranti, wi-fi e diverse tipologie di sistemazioni, è consentito portare i nostri animali domestici con guinzaglio e museruola, evitando l’accesso alle aree interne della nave. Sono previste tariffe agevolate per gruppi e gite d’istruzione.

Cerca la soluzione più adatta a te e prenota subito il tuo biglietto, l’Albania ti aspetta!

Perché andare al mare in Albania: ecco le spiagge più belle

L’Europa è ricca di destinazioni segrete che non sono state ancora prese d’assalto dal turismo di massa. L’Albania è senza dubbio capace di stupire i suoi visitatori con spiagge da sogno, calette rocciose e acque cristalline dall’aspetto quasi caraibico. Se hai intenzione di organizzare una vacanza non convenzionale, è giunto il momento di esplorare i piccoli villaggi marini che si estendono lungo 300 chilometri di costa sabbiosa. Cittadine di pescatori e baie isolate ti permetteranno di osservare tramonti mozzafiato, panorami dai colori sgargianti e suggestioni ioniche lontane dal caos cittadino. Abbiamo dunque stilato una classifica delle migliori spiagge albanesi in cui trascorrere una vacanza all’insegna del relax, anche solo per un week-end: ecco quali sono.

La Costa Adriatica dell’Albania: una vacanza per tutta la famiglia

L’Albania è particolarmente indicata per le coppie che viaggiano con bambini. Il motivo? La Costa Adriatica si estende fino al confine con il Montenegro e vanta alcune location silenziose, attrezzate e molto sicure. Tra le opzioni più gettonate dagli avventori locali citiamo Velipoja, Shën Gjin, Durrës, Golem, Spillenja, Divjaka e Vlora. Le sorprese non terminano qui: la costa sabbiosa dista pochi chilometri da Parchi Naturali, lagune e piccoli ecosistemi faunistici da ammirare dopo un bel tuffo nell’Adriatico. La versatilità del paesaggio rende la destinazione ideale sia per gli appassionati del mare sia per gli amanti del trekking e dell’alta quota (basti pensare alla Montagna di Llogara, la cui vetta supera i 1000 metri). Un vantaggio da non sottovalutare!

La Costa Ionica: le spiagge più belle dei Caraibi d’Europa

Non esageriamo quando affermiamo che la costa lambita dal Mar Ionio è tra le più iconiche e suggestive dell’intero Paese. Il litorale sabbioso lascia lentamente spazio a calette rocciose, baie isolate e percorsi naturalistici ideali per gli animi più avventurosi. Consigliamo di dirigersi in direzione di Valona e Saranda prima di proseguire verso il Parco Nazionale della Llogaraja, la meta perfetta per immergersi nel mare cristallino tra snorkeling e tuffi mozzafiato. La peculiarità della regione risiede inoltre nelle grotte scavate dalla forza dell’acqua nel corso dei millenni: il panorama è sicuramente suggestivo, nonchè corredato da strutture convenzionate che organizzano tour e attività adatte per tutte le tasche. Se invece prosegui da nord verso sud, ti suggeriamo di fermarti qualche ora presso Capo Rodoni. Il luogo – il cui nome albanese è Kape i Rodonit – è famoso in tutto il Paese per le sue falesie calcaree alte oltre 30 metri.

La Penisola di Karaburun in Albania

Se sei un viaggiatore abituale e desideri scoprire spiagge lontane dai flussi turistici convenzionali, non devi fare altro che raggiungere il Paradiso dell’Albania meridionale. La Penisola di Karaburun è considerata una delle spiagge più belle del Mediterraneo e – nonostante la sua fama – è spesso un luogo silenzioso, isolato e immerso nel verde circostante. Quest’area del Paese è accorpata all’isola Sazan e appartiene al Parco Marino Nazionale; qui potrai finalmente respirare il vero spirito della costa ionica. Il motivo? La regione è stata per lungo tempo abitata da pescatori e pirati. Non a caso, una delle attrazioni principali è nientemeno che la “Caverna dei Pirati” Hahi Aliu che dista pochi chilometri dalle due location principali, Saint Andrews e Grama Bay.

Perchè visitare le spiagge dell’Albania?

La riviera albanese è una meta turistica in lenta (ma costante) crescita! Sebbene i pregiudizi siano sempre duri a morire, il Paese sta investendo moltissimo in strutture ricettive, percorsi guidati, zone di camping e baie perfette per viaggiare in compagnia dei bambini. Non mancano poi occasioni per risparmiare considerevolmente sul budget della tua vacanza. Il paese è infatti collegato all’Italia da un flusso costante di traghetti che raggiungono l’Albania attraverso l’Adriatico con una vettura privata. Ciò ti consentirà di prenotare un servizio rapido, professionale e personalizzabile con cui muoverti in totale autonomia, esplorando le spiagge da sogno che si susseguono lungo 300 chilometri di costa.

I Luoghi Più Pericolosi al Mondo per le Immersioni

L’immersione subacquea è un’attività estrema che coinvolge l’intero corpo umano in una scesa verso il mondo sottomarino. Esistono delle acquee meravigliose che celano dei fondali cristallini da non perdere assolutamente. Nel nostro pianeta, tuttavia, sono presenti anche aree che nascondono una vasta gamma di pericoli. Chi pratica tale sport deve essere sicuramente armato di tanto coraggio ed avere quel pizzico di follia che solo la forte adrenalina può provocare. Nonostante il dolce sapore dell’avventura ci sono alcune zone che sarebbe bene evitare anche se siete dotati di attrezzatura da sub professionale.

1) Il Sistema del Diavolo in Florida

Il Piccolo Diavolo, l’Occhio del Diavolo e l’Orecchio del Diavolo sono un insieme di grotte sottomarine che determinano il cosidetto Sistema del Diavolo. I fondali meravigliosi di queste acque possono essere una trappola e portarti verso le correnti violente e impetuose che renderebbero l’esplorazione rischiosa.

2) Il Pozzo di Jacob in Texas

Recarsi all’oasi “Jacob’s Well” potrebbe essere una mossa piuttosto azzardata, in quanto circa otto esseri umani ci hanno già rimesso la pelle.

Le dimensioni di questo pozzo sono state individuate tra i dieci metri di larghezza e una massima profondità di quaranta piedi (unità di misura americana). Si sviluppa poi verso il basso in più cavità raggiungibili per la maggior parte solo da professionisti del settore.

3)The Shaft Sinkhole in Australia

Situate nel sud dell’Australia, a Mount Gambier. All’apparenza sembra una semplice fattoria ma in realtà tra animali e campi coltivati si nascondono alcune tra le piu affascinani camere marine al mondo. Sotto il terreno, infatti ,attraverso un piccolo ingresso si entra in un’incavo naturale nel sottosuolo con una despressione di oltre 120 metri. The Shaft, così chiamata, é la fossa più oscura e abissale dell’intera regione. Se si ha il coraggio di percorrerla in profondità ad un certo punto si arriva in un enorme complesso di laghi, grotte e cavità tortuose nelle quali ci si potrebbe perdere.

4) Blue Hole nel Golfo di Aqaba

In tutta la superficie marina esistono tre “blue hole”, ma sulla costa del Mar Rosso nei pressi di Dahab è possibile scovare un favoloso regno sottomarino che per gli appassionati è una vera e propria aspirazione.

Questa meta paradisiaca è una cavità di origine carsica, che prende il nome dalle acque profonde che gli appartengono. Le sue pareti rocciose sono caratterizzate da forme stravaganti e irregolari, accompagnate da una barriera corallina letteralmete magica. Nella grande voragine, a metà della sua depressione, è situato un piccolo “portale” a forma d’arco che conduce in mare aperto. Il varco è conosciuto per la sua forte pressione che alle volte si dimostra fatale per la vita dei sommozzatori spinti fin laggiù.

Centinaia di esperti sono morti a causa del manifestarsi delle narcosi d’azoto, un disturbo reversibile che comporta allucizinazione, euforia e perdita di giudizio. Per essere stato il luogo dove si sono verificati questi tragici eventi prende tristemente il soprannome di Diver’s Cemetery (Cimitero dei Sub).

5) Isola di Coco in Costa Rica

Al largo dell’Oceano pacifico è possibile innamorarsi all’istante dell’Isola Cocos, definito patrimonio naturale dell’umanità. Questa perla oltre l’orizzonte custodisce gelosamente un’abbondante vegetazione tropicale, resa possibile dalla quantità colossale di alluvioni presenti nella località. Se però iniziamo a parlare degli abissi che ospità quest’oasi cambiano le carte in tavola. In questo punto nel mare lontano dalla terra ferma ci sono forme di vita inesistenti in tutto il mondo. In particolare, se hai bisogno di una scarica di adrenalina scendendo nell’oceano sottostante ti imbatterai in una coreografia eseguita da centinaia di specie di squali diverse. Proprio per questo motivo misterioso e altrettanto inquietante viene soprannominato “Shark Island”. Nell’Isola di Coco, tuttavia, gli squali non sono l’unico pericolo. Le forti correnti fanno modo che la visita sia raccomandabile solo ai sub più esperti.

Perché scegliere l’isola del Giglio per la vostra prossima vacanza?

Scegliere l’isola del Giglio per la tua prossima vacanza, non solo riuscirà a soddisfare la tua voglia di relax in mezzo ad una natura incontaminata e ricca di bellezze artistiche nascoste tutte da scoprire, ma ti permetterà di ammirare e vivere, la seconda isola dell’Arcipelago toscano, in tutto il suo splendore e fra tutte le sue piagge mozzafiato.

Perché scegliere l’isola del Giglio per la vostra prossima vacanza?

L’isola del Giglio, la seconda dell’Arcipelago toscano, può trasformarsi in una vacanza che ti entrerà nel cuore e che sicuramente rimarrà una delle tue mete preferite per anni. Il suo paesaggio incontaminato si alterna tra scorci paesaggistici mozzafiato e spiaggie caratterizzate dalla presenza di scogliere facilmente raggiungibili a piedi. Tra le tante spiagge, ti consiglio quella di Aranella e delle Caldane caratterizzate da baie con sabbia bianca e dorata e dal colore azzurro e cristallino del mare.

Da visitare anche Giglio porto, una frazione antica dell’isola; Giglio Castello con il suo maestoso castello medioevale; Giglio Campese conosciuta per la sua immensa e frequentata spiaggia e il Faro di Capel Rosso e la sua meravigliosa vista panoramica.

Come arrivare all’isola del Giglio?

Per giungere sull’isola del Giglio dovrai arrivare a Grosseto, provincia della Toscana, o più precisamente al porto Santo Stefano, unico punto di partenza che ti consentirà di arrivare sull’isola. La compagnia di navigazione che effettua la traversata, solamente diurna, è la Toremar, che garantisce collegamenti in diverse ore del giorno e durante tutto l’anno.

Il tempo di traversata sul traghetto sarà piacevole e rilassante e in un’ora circa ti consentirà di iniziare la tua vacanza. Gli orari possono variare in base alle stagioni, e durante il periodo invernale si può scegliere di partire al mattino alle ore 08.45 o di sera alle 18.45.

Il traghetto che ti porterà sull’isola del Giglio, consente di trasportare non solo passeggeri ma anche veicoli, con i quali qualsiasi meta da visitare si potrà fare in tutta libertà e autonomia. Le possibilità di viaggio ti consentono non solo di viaggiare comodamente seduto sulle poltrone del traghetto, ma anche di poter ammirare il paesaggio acquistando il passaggio ponte. A bordo, qualsiasi sia la sistemazione che hai scelto, ti consentirà di usufruire di tutte le comodità e i servizi presenti, come il solarium, lo snack bar e l’uso di Internet attraverso il servizio wi-fi.

Cosa fare in vacanza all’Isola del Giglio?

L’isola del Giglio si concentra in soli 21 Km di estensione e rappresenta la vera essenza della natura selvaggia e incontaminata circondata dal mare turchese e cristallino. E’ situata di fronte al Monte Argentario da dove, sulla costa settentrionale, si trova il porto Santo Stefano che permette di raggiungerla. La vacanza sull’isola del Giglio è l’ideale per gli amanti del trekking, i quali potranno scegliere tra i vari sentieri quelli più facili o altri di difficoltà moderata, tutti caratterizzati da attrattive naturali nascoste e selvatiche.

Tra le tante attività non possono mancare quelle che ti porteranno in fondo al mare, dove il paradiso marino si trasforma in un escursione accompagnata da pesci colorati, murene, sogliole e relitti di navi in mare aperto. Per gli appassionati degli uccelli e la loro bellissima varietà di specie, l’isola offre la possibilità di poter ammirare passeri, rapaci, gabbiani, animali che con il loro danzare regaleranno alla vacanza un ulteriore sensazione di relax e libertà.

Ovviamente, tra le tante attività ed escursioni, non deve mancare la soddisfazione del palato, che potrà essere appagato nei vari ristoranti locali e caratteristici dell’isola che propongono non solo piatti di pesce, come il cacciucco, i totani ripieni ed il pesce in scaveccio, ma anche pietanze come le olive sotto pesto, la minestra di fagioli e il coniglio alla cacciatore. Il dolce che caratterizza l’isola è il panficato realizzato con fichi, pinoli, vinella, cannella, cioccolato, marmellata d’uva, mandorle, nocciole e buccia d’arancia, un insieme di sapori e tradizioni che dovranno essere accompagnati dagli ottimi vini dell’isola del Giglio.